super gals

Pubblicato il da Debby emostilosa

                       
Ran Kotobuki é una giovane liceale giapponese con poca voglia di studiare e molta di divertirsi assieme agli amici. Nata in una famiglia di poliziotti, i genitori ed il fratello vorrebbero che seguisse la medesima carriera, ma Ran ha altri progetti: lei vuole vivere come una Gal, libera da obblighi e vincoli, dedita soltanto a seguire la moda e divertirsi. Autoproclamatasi Gal numero uno di Shibuya, il quartiere dell'intrattenimento per eccellenza a Tokyo, passa le sue giornate cercando di divertirsi come può con i pochi soldi a sua disposizione. Ma Ran non è una ragazza frivola come potrebbe sembrare: ha dei saldi principi morali e veglia su Shibuya assieme al fratello Yamato, poliziotto di quartiere, impegnandosi al massimo per mantenere l'ordine e la tranquillità. Inoltre Ran tiene molto ai suoi rapporti con il prossimo ed ha sempre un occhio di riguardo per i suoi amici e compagni, preoccupandosi sempre di aiutarli a risolvere i loro problemi, anche a costo di risultare invadente.
Le due migliori amiche di Ran sono Miyu Yamazaki, ex teppista e fidanzata di Yamato, e Aya Hoshino, la studentessa migliore della sua scuola, che la protagonista aiuta in un momento di crisi. A loro ben presto si aggiungono i bellissimi Rei Otohata e Yuya Aso, veri e propri idol maschili, sebbene anche loro ancora liceali, irretiti dall'irruenza e dalla voglia di vivere di Ran.
La vita dei protagonisti trascorre così, tra i mille piccoli problemi di ogni giorno, che ognuno di loro saprà affrontare e superare grazie all'incondizionato appoggio di Ran e degli altri amici
 
 

Ran Kotobuki: Ran è la protagonista pricnipale della storia, abita a Tokyo, nel quartiere di Shibuya e in quest'ultimo è conosciuta e rispettata da tutti. Per questo si è meritata l'epiteto di "protettrice di Shibuya". A lei non interessa lo studio ma solo il divertimento, strumento fondamentale per il raggiungimento del suo scopo: essere la KoGal numero uno di tutto il Giappone! Ma la strada non è facile, ad esempio la forte rivalità esistente tra lei e la protettrice di Bukuro Mami Honda, i problemi con le finanze, dal momento che Ran impiega meno di cinque secondi per sciupare la paghetta mensile datagli dal padre. Nonostante sia convinta di non voler fare il poliziotto, a volte si improvvisa detective brillante che risolve crimini a volte complicati. Le sue migliori amiche sono Miyu Yamazaki, ex-teppista, e Aya Hoshino, ragazza che tentò la via dell'enjo-kosai. Inoltre, Ran è la ragazza di Tatsukichi ma non lo bacerà fino a quando non ne sarà veramente innamorata.

 

Miyu Yamazaki: Miyu è una ragazza buona e dolce, ma con un difficile passato. Infatti, ai tempi delle scuole medie, era la leader di una banda di teppisti di Shibuya ed era conosciuta come una ragazza fredda e ostile, capace di qualsiasi angheria. Il suo incontro con Ran, però, e sopratutto con il fratello maggiore di Ran, Yamato (del quale diventa la ragazza), portano Miyu sulla retta via e, anche assieme ad Aya, l'aiuteranno a dimenticare il suo triste passato. Miyu è innamorata di Yamato, il fratello maggiore di Ran, e il suo più grande sogno è quello di ricevere il primo bacio proprio da lui. Miyu si rivolge spesso a lui chiamandolo "Yamatuccio" e parla sempre in terza persona.

 

Aya Hoshino: Aya è una ragazza schiva e taciturna, sempre impegnata nello studio. Aya, infatti, oltre alla scuola, frequenta molte lezioni private per avere una media alta e non deludere i professori e i suoi genitori, che si aspettano molto da lei, in quanto figlia unica. Ma questa sua fredda apparenza è solo una maschera: in realtà Aya vorrebbe studiare di meno e divertirsi un pò con i suoi coetanei, ma non ha molti soldi per comprarsi ogni tanto ciò che le piace. Disperata, tenta l'ignobile via dell'enjo-kosai per guadagnare, ma l'intervento di Ran la fermerà e Aya inizierà a stare con Ran e Miyu, che diventeranno le sue migliori amiche. Di carattere passivo, spesso si lascia influenzare dagli altri; è innamorata del bel tenebroso Rei Otohata che la ricambia in qualche modo, anche se non lo da mai a vedere.

 

Rei Otohata: Rei è un ragazzo molto tenebroso quanto bello, infatti si è classificato al primo posto in una classifica di bellezza indetta da un giornale per KoGals e questo l' ha reso molto popolare a Tokyo, anche se lui non sembra farci caso, anzi odia chi si lascia influenzare dalle mode (per questo non sopporta le KoGals). Ma nonostante questo, si avvicina ad Aya, la studiosa del gruppo di Ran, in quanto anche lui è un tipo molto studioso e che eccelle a scuola. Anche se la tratta in maniera distaccata, in relatà è innamorato di lei. Però continuerà a nascondere il suo lato gentile dietro la solita apparenza fredda.

 

Yuuya Aso: Altro bel ragazzo, piazzatosi al secondo posto nella classifica di bellezza indetta da un giornale per KoGals. Yuuya è il migliore amico di Rei, anche se non sembra così, in quanto la sua personalità è opposta a quella di Rei. Infatti, è un ragazzo molto simpatico e giocherellone, oltretutto sinceramente innamorato di Ran. Ma quando questa diventerà la ragazza di Tatsukichi per lui sarà un brutto colpo. Però riuscirà a riprendersi grazie a Mami, della quale ben presto si innamora, diventando il suo ragazzo. Essendosi piazzatosi al secondo posto nella classifica, è da tutti soprannominato "Numero due".

 

Mami Honda: Protettrice di Ikebukuro (abbreviato Bukuro, altro quartiere di Tokyo), è la rivale di Ran; carina, intelligente e ricca, è una delle migliori studentesse nella sua scuola. Sin da quando la incontra la prima volta, lotta contro Ran, per stabilire chi delle due sia la migliore, ma alla fine si daranno una tregua. Innamorata sinceramente di Yuuya, quando questo è in crisi a causa di Ran si fidanza con lui. La sua migliore amica si chiama harue, un ex-teppista di Shibuya che ai tempi delle medie era rivale di Miyu.

 

Tatsukichi Kuroi: Ragazzo allegro, con tantissima voglia di divertirsi e zero voglia di studiare: è la copia sputata di Ran, solo che è al maschile! ^_^ Non appena incontra Ran, capisce che loro due hanno un carattere simile (oserei dire identico! ^^) e per questo le chiede se vuole essere la sua ragazza; Ran, contenta accetta. Attenzione! Nonostante non sembri, Ran crede nel vero amore e quindi non vorrà baciare Tatsukichi fino a quando non ne sarà davvero innamorata, costringendo il ragazzo ad una lunghissima attesa! A causa della sua carnagione scura viene a volte scambiato per una scimmia, e in effetti, quando dice "Uki uki" in versione deformed lo sembra proprio!

 
 
altri personaggi che appaiono ogni tanto, sono le tre ragazze ganguro "super-abbronzate" vengono definite "ganguro rossa", "ganguro gialla" e "ganguro azzurra".
 
 

La parola ganguro probabilmente deriva da "gangankuro" che significa eccezionalmente nero, il riferimento è alla pelle estremamente scura di queste ragazze che utilizzano come trucco fondotinta scuri, per eliminare il pallore tipico delle giapponesi, eyeliner nero in contrasto con ombretti e rossetti bianchi, facendo anche largo uso di brillantini.

Tingono i capelli in tinte che vanno dal rosso-arancio al biondo platino e talvolta in grigio e argentato. Usano pantaloncini corti e accessori come bracciali e girocolli insieme, gemme di plastica e finte perle si aggiungono spesso al look. Scarpe con zeppa alta od infradito ed accessori luminoso-colorati completano il look delle ganguro, e calzettoni sotto il ginocchio, ciglia finte,......

Le miniskirts, gli autoadesivi sulla faccia e le unghie , i braccialetti, gli anelli e le collane di ogni tipo completano il profilo

Fra le ganguro ci sono altre due categorie:
- Le gonguro usano un trucco ancora più scuro delle ganguro, hanno la carnagione olivastra e si tingono i capelli unicamente di biondo.
- Le yamanba si vestono con minigonne e abiti cortissimi e firmati e si truccano ancora più pesantemente delle ganguro con trucco bianco molto esteso in contrasto con la loro scurissima abbronzatura artificiale ottenuta con numerose lampade e fondotinta molto scuri, i capelli invece sono di colori molto chiari soprattutto biondo platino, il loro scopo è imitare le ragazze afro-americane, ma il risultato è disastroso tant’è che yamanba, il nome cui con vengono indicate significa streghe o mostri

 

 

Gals style

cHi SoNo Le GALS?

Il termine "gal" spesso scritto anche come "kogal", sta a significare letteralmente piccola ragazza, ragazzina, ed indica le giovani giapponesi fra i quindici e i vent'anni circa alla ricerca di

un look particolare e un'esistenza spensierata tipica della loro età( e della mia ^_^). Le gals innanzitutto amano divertirsi, poi divertirsi e ancora divertirsi.

Il loro motto è: "Se lo trovi divertente non chiederti perché". Cosa c'è di strano se le ragazzine vogliono trascorrere delle giornate piacevoli?

 Definire un abbigliamento tipico delle gals sarebbe improprio, ognuna ha un suo look.

 Certamente svolge un ruolo importante la divisa scolastica che ha centinaia di varianti(per quanto siano strette le regole del giappone riguardo alla divisa scolastica).

A ciò si aggiunge la facoltà di cambiare alcuni indumenti, come per esempio i calzini. In particolare, i calzini più in voga fra le gals sono i ruuzu sokkusu (calzini larghi e pendenti, dall'inglese loose socks).

 Questi calzini larghi di colore bianco ricadono sulle scarpe coprendole parzialmente. La gonna, abitualmente una gonna corta blu scuro, si è evoluta in una minigonna a scacchi simile al tartan, di colore

 consono al resto della divisa.

 La foggia della divisa scolastica può essere alla marinara (seeraa fuku, dall'inglese sailor), ma anche un tailleur abbinato a una cravatta.

 Si tratta comunque di elaborazioni sulle divise dei college di tutto il mondo, a cui si aggiunge il gusto estetico delle gals.

 Però l'abbigliamento delle gals non è ristretto alla divisa scolastica, anche se questa è particolarmente amata, perché simbolo dello status di studentessa e dunque icona della gioventù.

 Per un certo periodo sono stati di moda gli zatteroni, le zeppe alte e gli stivali, ma anche i pantaloni larghi a zampa d'elefante, in Giappone le mode passano in fretta. Insomma, un ripescaggio del vestiario degli anni '70. Tutto all'insegna del coloratissimo, dei colori pastello, del fluorescente, di qualcosa che sia sempre sgargiante ed evidente. Ciò con lo scopo di distinguersi assolutamente.

 Il motto delle gals è: "Essere se stesse". Per chi è esterno e poco confidente con questo mondo, le gals possono apparire tutte uguali.

Eppure i gruppi e le varie denominazioni sono estremamente differenti. Una attenta ricognizione rivelerà come realmente ogni gals sia un'individualità con i propri gusti e tendenze.

Perciò, per quanto riguarda l'abbigliamento, non si può fissare uno stile unico.

Tuttavia le gals vengono malconsiderate dalla maggior parte delle persone adulte, che le considerano la vergogna del Giappone.

Ciò accade anche a scuola, spesso finiscono per essere richiamate e definite "alunne problematiche" solo perchè si tingono i capelli(in Giappone chi si tinge i capelli non viene accettata a lavoro e viene

 malvista a scuola, dove infatti è vietato tingersi i capelli)o perchè si truccano(altra cosa che nelle scuole è vietata)ma loro continuano instancabilmente a divertirsi, senza tenere conto di

 ciò che le persone pensano di loro:"Se lo trovi divertente non chiederti perché".

 

Con tag manga

Commenta il post